RYOTOJUTSU

ARTE DELLE DUE SPADE

 

Si parla di due spade perché è dovere di tutti i guerrieri, comandanti e soldati di indossare due spade. Ai vecchi tempi queste venivano chiamate tachi e katana, o grande spada e spada; oggi invece sono chiamate katana e wakizashi, ovvero la spada e la compagna. Non è necessario discutere in dettaglio il fatto che i guerrieri indossino due spade. In Giappone i guerrieri indossano due spade al loro fianco a prescindere dal fatto che sappiano o no il perché.

Myamoto Musashi

Il Libro dei Cinque Anell

Il bushi durante il periodo feudale giapponese aveva il privilegio di portare con sé la classica coppia di spade (katana e wakizashi oppure tachi e kodachi) conosciute in abbinamento come daisho.

 

Le tecniche fondamentali di quest’arte si dividono in tre gruppi principali: fendenti (kiri), affondi (tsuki) e parate (uke). I bersagli su cui sono diretti gli attacchi alternati del tachi e del kodachi includono: la testa, che viene colpita frontalmente o ai lati; la gola, i lati del busto o i fianchi; le gambe ed infine i polsi o le mani. Alcune delle tecniche di parata di questa disciplina si attuano per mezzo di entrambe le spade che, debitamente incrociate, bloccano l’arma dell’aggressore, deviandola con il kodachi e permettendo quindi l’attacco conclusivo con la tachi.

 

Le tecniche del ryotojutsu nelle varie fasi del combattimento iniziavano dalle posizioni fondamentali per terminare con veloci e letali assalti. In queste movenze erano importantissimi equilibrio e prontezza di movimento,

 

L'apprendimento del ryoto incomincia con uno studio sistematico e approfondito dei suburi (colpi fondamentali). Viene dato particolare rilievo a questo aspetto perché l'allievo deve cominciare ad usare le mani in modo indipendente ma coordinato, per evitare durante il maneggio, di colpirsi da solo. Questo aspetto, che è molto importante anche nello studio delle altre armi ha una valenza predominante soprattutto per questo stile di combattimento, quindi, prima di approcciare un qualsiasi kata, l'allievo deve padroneggiare questo aspetto.

 

Lo studio di quest'arte permette di sviluppare aspetti particolari: si impara a gestire le due mani in maniera indipendente e anche le distanze di attacco differenti dovute alla lunghezza differente delle armi. Questo aspetto pone il compagno armato di una sola spada di fronte ad una situazione estremamente pericolosa da affrontare. La versatilità delle due spade, che spesso colpiscono in rapide sequenze di attacco, parata e contrattacco, lo costringe ad un maneggio difficoltoso condizionato da rapidi spostamenti al fine di contrattaccare gli attacchi combinati del kodachi e del tachi.

 

 

Ryoto

1° Eigetsu no tachi

     永月之太刀
2° Suigetsu no tachi

     水月之太刀
3° Isonami no tachi

     磯浪之太刀
4° Murakumo no tachi

     村雲之太刀

Accademia Italiana di Spada Giapponese
katori shinto ryu
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • Bianco Google Places Icona

CONTENUTI

AREA RISERVATA

 

Accademia Italiana di Spada Giapponese Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu - Hatakeyama-Ha - APS

Piazza dei Daini, 3  20126 Milano MI - Cod. fisc: 97842960151